Rassegna 'Cathédrale Harmonique'

testo a cura Elena Meynet

 

Porta il segno di Felix Mendelssohn-Bartholdy la quarta edizione della rassegna di musica sacra e organistica "Cathédrale harmonique - Splendeurs de la musique sacrée", organizzata dalla Cappella musicale Sant'Anselmo della Cattedrale di Aosta, l'ente fondato dal Vescovo di Aosta per "servire la Divina Liturgia nella Cattedrale, attraverso l'arte del canto e della musica sacra". Ognuno dei quattro concerti di agosto, e anche quello previsto in ottobre, comprendono brani di Mendelssohn: ricorre infatti il 210° anniversario della nascita del grande compositore tedesco, nato nel 1809 e morto nel 1947. "Mendelssohn ebbe il merito di riportare alla luce la musica di Johann Sebastian Bach - spiegano i direttori artistico Jefferson Curtaz e Flavio Desandré, organista titolare e aggiunto della Cattedrale - caduta in oblio fino all'epoca romantica, dando vita alla cosiddetta cosiddetta Bach-Renaissance". Il grande protagonista resta l'organo della Cattedrale di Aosta: costruito da Vegezzi-Bossi nel 1902, ha 3 manuali di 58 tasti, pedaliera diritta di 30 tasti e 44 registri.
I concerti saranno di sabato, con inizio alle ore 21.00. Nel primo, sabato 3 agosto, Luca Rosso, compositore, organista della Cappella musicale della Cattedrale di Fossano e organista titolare della Chiesa San Giovanni Battista a Centallo. apre con il Preludio e fuga in do minore op.37 n.1 di Mendelssohn, cui seguono il corale di Johann Sebastian Bach "Nun komm der Heiden Heiland" ("Ora vieni, salvatore delle genti") BWV 659, l'Offertoire pour le jour de Pâques di Alexandre-Pierre-François Boëly, il Prélude, fugue et variation op.18 di César Franck e, dal repertorio del '900, la Breve suite di Giuseppe Manzino, l'Ave Maria di Marco Enrico Bossi e alcuni estratti dalla Plymouth suite di Percy Whitlock.
I prossimi concerti saranno sabato 10 agosto con il coro di clarinetti Clarissimo diretto da Donatella Meneghini; sabato 17 con Giampietro Rosato, docente di organo e clavicembalo al Conservatorio di Udine; sabato 24 agosto con il francese Olivier Salandini, docente di clavicembalo e basso continuo al Conservatorio di Limoges, organista titolare dei grandi organi della Cattedrale di Bourges e direttore artistico del festival "Riches d'Orgue en Berry". Un ultimo appuntamento autunnale, sabato 26 ottobre, vedrà protagonista la Cappella musicale Sant'Anselmo.
La rassegna "Cathédrale Harmonique. Splendeurs de la musique sacrée" è organizzata dalla Cappella musicale Sant'Anselmo della Cattedrale di Aosta, l'ente fondato dal Vescovo di Aosta per "servire la Divina Liturgia nella Cattedrale, attraverso l'arte del canto e della musica sacra", ed è realizzata grazie al contributo di Consiglio regionale della Valle d'Aosta, Alliance Française Aosta, Rotary Club Courmayeur Valdigne. E con il patrocinio dell'Associazione Amici della Scuola Diocesana di Musica Santa Cecilia di Brescia e dell'Associazione italiana Santa Cecilia per la Musica Sacra, della Diocesi di Aosta, della Fondazione Domenico Bartolucci e del Pontificio Istituto di Musica Sacra in Roma.

 

L'Organo della Cattedrale di Aosta
L'Organo della Cattedrale di Aosta